Prof. Benanti's books: Le Macchine Sapienti. Homo Faber

Print Pdf

Logo-fondorosso

 

Le Macchine sapienti. Lo sviluppo e la diffusione delle intelligenze artificiali sollevano nuovi problemi di natura etica. Che cosa accade, infatti, quando non sono gli uomini, ma le macchine a decidere? L’autore, noto a livello internazionale nell’ambito della bioetica e del dibattito sul rapporto tra teologia, bioingegneria e neuroscienze, guarda con favore alla diffusione delle «macchine sapienti» e ragiona sul fatto che i processi innovativi hanno valenza positiva solo se orientati a un progresso autenticamente umano che si concretizzi in un sincero impegno morale dei singoli e delle istituzioni nella ricerca del bene comune.

SommarioUna premessa.  1. Guardare le stelle.  2. Cosa significa essere umani?  3. Primo interludio. Una mappa può essere una copia esatta della realtà?  4. Secondo interludio. Macchine emotivo-razionali.  5. Un codice etico per le intelligenze artificiali.  6. Verso una governante delle intelligenze artificiali.  7. Conclusioni.

 

Homo Faber. Ebook

Homo Faber. The Techno-Human ConditionIn Homo Faber Paolo Benanti seeks to provide a philosophical and theological understanding of the technological phenomenon by casting light contemporaneously on the ethical dimensions connected to it. In constructing a holistic vision of technique-technology, he asks himself how to look at the technological artifacts, how it was possible that the West has undergone an incomparable technological development in respect to any other human culture and what this reveals and means for technology and what is the context in which technology is implemented and understood today. As a result of his journey Benanti shows how Technology is not a simple human activity, but human nature is a techno-human condition.

 

Note sull'autore. Paolo Benanti specializzato in Bioetica e nel rapporto tra Teologia morale, Bioingegneria e Neuroscienze, è docente alla Pontificia Università Gregoriana. Fa parte della Pontificia Accademia per la Vita come Corrispondente. Collabora con l’American Journal of Bioethics – Neuroscience ed è membro dello staff editoriale di Synesis.