Segui con noi il Sinodo dei Vescovi - 2

Print Pdf

05905_03102018

Ascoltare, per la Chiesa, non è una indagine sociologica, o pedagogica; è un modo di essere è ed una questione teologica, come ci ammonisce il libro dei Proverbi. È dall’ascolto che deriva  la capacità della Chiesa di lasciarsi toccare dalle sfide e dalle opportunità che il mondo giovanile offre. In fondo – come testimoniato da un’uditrice – i giovani oggi sono essenzialmente in ricerca di dialogo, autenticità, partecipazione; vogliono essere ascoltati e guidati a comprendere meglio se stessi, laddove sono, intellettualmente, spiritualmente, emotivamente, socialmente spiritualmente. È qui che necessitano di testimoni viventi di evangelizzazione.

Centrale il richiamo alla famiglia, nucleo primario della trasmissione della fede, spazio da sostenere perché è in esso che si alimentano l’amore, la fiducia, il dialogo, il perdono. L’Aula del Sinodo non dimentica il tema dei migranti: i più giovani sono spesso vittime di abusi e sfruttamento e per loro, la fede, insieme all’educazione e alla cultura, diventano fondamentali per integrarsi nei Paesi di accoglienza. La Chiesa deve aiutarli, ricordano i Padri Sinodali, ma anche i giovani migranti possono aiutare la Chiesa a scoprire e comprendere meglio le insicurezze e le aspirazioni dei loro coetanei, con i quali condividono una situazione di incertezza, di ‘non ancora’. 

Galleria Fotografica (Servizio Fotografico - Vatican Media - L'Osservatore Romano). Papa Francesco con Mons. Vincenzo Paglia; Papa Francesco con Padre Carlo Casalone SJ,  nostro Accademico.

Sinodo Vescovi