Una delegazione della Pontificia Accademia negli Usa

Visita alla Microsoft e alla IBM - AGGIORNAMENTO 10 settembre

microsoft01

Dal 2 settembre 2019 una delegazione della Pontificia Accademia per la Vita, con Mons. Paglia, si è recata negli Usa.

Tre le tappe: la Loyola Marymount University e il Centro della Microsoft a Redmond in California; la IBM a New York.

La visita è avvenuta nell'ambito del lavoro di preparazione dell'Assemblea 2020 della Pontificia Accademia per la Vita che ha per tema l'Intelligenza Artificiale. 

Educazione e promozione della vita

Incontri a New York con la IBM

PAV_NY_IBM_01

Nelle giornate del 9 e 10 settembre la delegazione della Pontificia Accademia per la Vita ha incontrato i vertici della IBM e alcuni studenti che partecipano ai programmi di formazione (foto).

Proprio la formazione - è stato sottolineato - è parte integrante di un approccio che mette al centro la promozione della vita umana, nel senso della Bioetica Globale fortemente voluto da Papa Francesco: fornire opportunità di crescita umana, culturale e sociale, opportunità di sviluppo e miglioramento, per se stessi e per tutta la società.

Nel corso della visita la delegazione della Pontificia Accademia ha preso visione del programma P-TECH che la IBM ha sviluppato a favore dei giovani delle scuole secondarie per avviarli ad una formazione adeguata alle sfide della digitalizzazione. Il Programma è presente 18 paesi - tra l'altro una sede è a Brooklyn, New York negli USA - e nel corso del 2019 sarà attivato in Italia, a Taranto.

Maggiori informazioni: https://www.ibm.com/thought-leadership/ptech/index.html

Visita alla Microsoft, Redmond - USA

microsoft08

Il 5 settembre a Redmomd mons. Paglia – insieme al prof. Padre Paolo Benanti Accademico, il prof. Padre Carlo Casalone sj Accademico, mons. Lucio Ruiz Segretario del Dicastero per la Comunicazione, don Andrea Ciucci Coordinatore di segreteria – ha partecipato ad una serie di incontri con i Direttori delle diverse aree di sviluppo e di ricerca della Microsoft, sul tema Intelligenza Artificiale e bene comune.

Abbiamo certamente bisogno di sviluppare le tecnologie dell'informazione, ha spiegato mons. Paglia, ma allo stesso tempo dobbiamo lavorare affinché il progresso vada a favore di tutta l'umanità.

Durante l'intesa giornata di visita e incontri, mons. Paglia e il gruppo della Pontificia Accademia per la Vita ha approfondito differenti argomenti. Si è parlato dell'uso dell'Intelligenza Artificiale per il bene comune. Un altro aspetto ha riguardato la tematica del riconoscimento facciale, del potere in tal senso dell'Intelligenza Artificiale e dell'urgenza di una visione etica. In propoisito mons. Paglia ha sottolineato l'importanza di una tecnologia a servizio di un mondo unito, dove tutta la famiglia umana possa vivere in pace.

Al termine della giornata l'arcivescovo e la delegazione della Pontificia Accademia hanno incontrato Brad Smith, Presidente di Microsoft, confermando l'invito già rivolto in febbraio, alla prossima Assemblea dell'Accademia (26-28 febbraio 2020).

 

Microsoft, Redmond 5 settembre 2019

Mons. Paglia alla Loyola Marymount University

Print Pdf

IMG_5720

Città del Vaticano, 9 settembre 2019. - Mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la Vita, è negli Stati Uniti dal 2 settembre. La visita si inserisce nella preparazione della prossima Assemblea della Pontificia Accademia per la vita, fissata dal 26 al 28 febbraio sul tema dell’Intelligenza Artificiale ed ha per interlocutori Microsoft ed IBM.

Negli Stati Uniti mons. Paglia ha avuto un primo appuntamento il 3 settembre con gli studenti e i docenti della Loyola Marymount University (Los Angeles) sul tema della Bioetica Globale. In questa occasione mons. Paglia ha illustrato i temi trattati da Papa Francesco nella Lettera Humana Communitas, pubblicata a gennaio di quest’anno in occasione dei 25 anni dalla istituzione della Pontificia Accademia per la Vita. Nella sede della Loyola Marymount University.  Mons. Paglia è stato presentato a docenti e studenti dal prof. Roberto Dell’Oro, Direttore del Centro di Bioetica e Accademico della Pontificia Accademia per la Vita. Testo integrale di mons. Paglia.

Nel suo ampio intervento tra l'altro mons. Paglia ha sottolineato che "Nella sua lettera, il Santo Padre ha cercato di darci una base teologica così solida e amorevole per il lavoro dell'Accademia che saremo in grado di affrontare e superare le preoccupazioni e le esitazioni che hanno accolto la rinnovata struttura dell'Accademia (e si potrebbe aggiungere la sua entità gemella, l'Istituto Giovanni Paolo II). Pertanto il mio messaggio oggi è che per comprendere la missione che il Santo Padre ha dato all'Accademia e all'Istituto, dobbiamo capire che mentre la scienza e la tecnologia contribuiscono al bene generale dell'uomo e alla realizzazione del piano di salvezza di Dio e che i nostri membri e programmi continueranno a offrire soluzioni a specifiche preoccupazioni della società, ora dobbiamo lavorare in modo più ampio, verso una comprensione, un apprezzamento della vita stessa, che è la grande espressione dell'amore che è Dio.

Come primo passo molto pratico, dobbiamo rassicurare i nostri amici e i nostri nemici, che non allenteremo mai la nostra determinazione a proteggere e promuovere la vita umana dall'inizio alla fine dei suoi giorni terreni ; e li vogliamo rassicurare: il nostro dialogo con chi non condivide la nostra comprensione dell'amore fecondo di Dio e della natura della famiglia umana e delle sue sfide, non significa che stiamo abbandonando l'ortodossia cattolica. Con ciò, tuttavia, dobbiamo anche chiarire che il Papa vuole che l'Accademia e l'Istituto allarghino il loro raggio di riflessione, non limitandosi ad affrontare situazioni specifiche di conflitto etico, sociale o giuridico. Il Papa ci chiede di articolare un'antropologia che ponga le premesse pratiche e teoriche per una condotta coerente con la dignità della persona umana. Il Papa ci chiede un'antropologia che disponga degli strumenti per esaminare criticamente la teoria e la pratica della scienza e della tecnologia mentre interagiscono con la vita, il suo significato e il suo valore. Inoltre, l'Accademia in particolare deve diventare sempre più un luogo di incontro e dialogo competenti e rispettosi tra gli esperti, compresi quelli di altre tradizioni religiose, nonché i sostenitori delle visioni del mondo che l'Accademia deve conoscere meglio per ampliare i suoi orizzonti".

Città del Vaticano, 9 settembre 2019

 

Mons. Paglia alla Loyola Marymount University - 3 settembre 2019