Nuovi Accademici Corrispondenti 2020

Print Pdf

170330 twitter.png

Città del Vaticano, 10 dicembre 2020.- Il Consiglio Direttivo della Pontificia Accademia per la Vita ha nominato tre nuovi Accademici, nella categoria dei Corrispondenti.

I tre nuovi Accademici sono:

- La prof.ssa M. Therese Lysaught del Neiswanger Institute for Bioethics and Health Policy, Stritch School of Medicine; Institute of Pastoral Studies, Loyola University Chicago.

- Suor Veronica Rop, Moral Theologian and Ethicist - Kwetu Home of Peace - Street Boys’ Rehabilitation Centre - Archdiocese of Nairobi.

- Il prof. Leonardo Palombi Ordinario di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica (SSD MED 42) presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università “Tor Vergata” di Roma. È Editor in Chief della rivista internazionale “Biomedicine & Prevention”.

Con queste nomine gli Accademici sono in tutto 163: 45 Ordinari, 1 Onorario,  100 Corrispondenti, 17 Giovani Ricercatori.

La nomina degli Ordinari e degli Onorari è riservata al Papa; al Consiglio Direttivo della Pontificia Accademia per la Vita spetta la nomina dei Corrispondenti e dei Giovani Accademici, per la durata di un quinquennio rinnovabile per altre due volte (art. 5 dello Statuto).

 «Allargare in numero degli Accademici, qualificare sempre di più e sempre meglio il lavoro che siamo chiamati a svolgere – nota mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la Vita – si pone sulla linea indicataci da Papa Francesco: un rinnovamento nella duplice logica dell’allargamento e dell’approfondimento. La novità non sta certamente in un cambiamento dell’oggetto: la sapienza evangelica sull’immenso dono della vita umana, deve continuare ad ispirare in profondità il nostro impegno, ad illuminare tutti gli aspetti dell’umana esperienza e della cultura della vita. Ma la buona notizia del Vangelo sulla vita umana chiede di essere offerta come una fonte di ispirazione e come un tema di dialogo culturale, politico e sociale, anche e soprattutto con chi non la pensa esattamente come noi ma, come noi, ha a cuore la vita e la società umana».

Città del Vaticano, 10 dicembre 2020